Corso caregiver - aiuta un tuo familiare

In alcuni momenti della vita possono sorgere degli imprevisti piuttosto gravi che portano una persona a non essere più autonoma e ad avere bisogno di un aiuto. In queste situazioni quindi la figura del caregiver potrebbe assumere un ruolo chiave. Il caregiver non è altro che un parente o un amico che si occupa della persona che ha perso la propria autonomia e non può più vivere da sola.

Purtroppo i genitori di ogni persona invecchiano con il passare del tempo. Potresti ritrovarti a doverti prendere cura di tuo padre o di tua madre personalmente poiché non vuoi (o loro non desiderano) che intervenga un badante.

L’affetto in questo caso nei confronti dei propri genitori o dei propri amici più stretti, purtroppo non è sempre sufficiente. Infatti, sarà la forza che consentirà di andare avanti al di là delle difficoltà, tuttavia potrebbe diventare un periodo particolarmente stressante sia a livello psicologico che a livello fisico e lavorativo. Fare un corso caregiver oggi potrebbe essere una soluzione a queste problematiche. Un corso caregiver prepara adeguatamente lo studente ad affrontare al meglio queste situazioni ed a provvedere al proprio parente o amico in caso di necessità improvvisa.

Come reagisce la mente umana nei momenti di difficoltà?

Il corso caregiver non è utile soltanto per comprendere al meglio come comportarsi in situazioni di emergenza, ma è anche utile per avere una buona preparazione psicologica.

La verità è che fino a quando non accade un evento spiacevole, noi non ci pensiamo. Quando esso si presenta però, nella maggior parte dei casi, ha un impatto devastante sulla nostra vita, non riusciamo ad avere pensieri lucidi e prendiamo decisioni sbagliate.

Questo accade perché in questi momenti non sappiamo come agire e lo stress e l’ansia offuscano i nostri pensieri. Ecco perché occorre essere preparati ed intervenire nel modo corretto anche quando tutto sembra andare nel verso sbagliato. Sicuramente lo stress e l’ansia che le cose possano andare nel modo indesiderato si potrebbero presentare, ma avere la situazione in mano, sapere cosa fare in ogni momento e come intervenire grazie ad un corso caregiver può essere davvero di fondamentale importanza per gestire nel migliore dei modi la situazione ed essere un faro di speranza anche nei confronti del malato.

Chi si occupa delle cure nei confronti dell’assistito deve essere una persona preparata, non può agire casualmente perché se si comportasse in questo modo rischierebbe di generare ulteriori problematiche. Una persona che ha affrontato un corso di questo tipo può diventare anche un punto di riferimento per tutti gli altri famigliari e amici che quindi potranno avere più fiducia in lui.

Quali sono i compiti del caregiver?

I caregiver hanno molti compiti che devono svolgere con cura e pazienza. Sì, ci vuole anche molta pazienza in questo ambito perché senza di essa si potrebbero commettere degli errori. Molte volte risulta difficile accettare che una persona cara si ritrovi in quelle condizioni. Purtroppo bisogna accettare questa situazione e far vivere alla persona a cui vogliamo bene quei momenti con maggiore leggerezza.  Tra questi compiti ci sono:

  • Assicurarsi che l’assistito prenda i farmaci che sono stati prescritti dal medico e nella giusta dose;
  • Cambio della medicazione dell’assistito, ove necessario;
  • Aiutarlo ad andare in bagno, mangiare, cambiarsi e nelle pulizie personali;
  • Mantenere la stanza dell’assistito pulita e ariosa;
  • Applicare il primo soccorso quando necessario.

Con un corso caregiver come il nostro inoltre è possibile ottenere anche un attestato di partecipazione. Un caregiver con un attestato riconosciuto che presta assistenza nei confronti di una persona a titolo gratuito, può ottenere anche delle interessanti agevolazioni come ad esempio permessi di lavoro speciali volti ad agevolare l’azione di cura nei confronti dell’assistito. Inoltre, dal 2021 è possibile ottenere anche il bonus caregiver che è un sostegno economico molto interessante.

La comunicazione con l’assistito

Questa si rivela essere molto spesso una delle problematiche comuni che devono affrontare i famigliari dell’assistito. Purtroppo la persona che ha bisogno di assistenza potrebbe non essere più in grado di comunicare con le altre persone. In questo caso è importante non farsi prendere dalla frustrazione e soprattutto non mostrare irritazione nei confronti dell’assistito che si potrebbe quindi sentire particolarmente a disagio.

Probabilmente l’ultima cosa che si vuole fare in un momento così difficile è creare ulteriore tensione e porre in una situazione di malessere l’assistito. Ecco perché nel corso caregiver vengono spiegate tutte le tecniche per comunicare al meglio con l’assistito. Esse aiutano a comprendere i suoi bisogni e si basano sull’ascolto attivo. Comprendere i messaggi che derivano dai comportamenti assunti dell’assistito o da alcune sue parole è molto importante per creare anche un migliore legame empatico.

Essere considerati dall’assistito come una persona in grado di capire i suoi bisogni è fondamentale. Egli infatti sarà più propenso ad aprirsi ed a lasciarsi curare. Vedrà nell’intervento del caregiver quello di una persona che capisce la sua situazione e fa di tutto per aiutarla.

E se l’assistito è particolarmente aggressivo o malato di Alzheimer?

Purtroppo l’assistito potrebbe aver sviluppato una particolare aggressività a causa della sua malattia oppure potrebbe avere l’Alzheimer e quindi non riconoscere le persone a lui più care. Gestire queste situazioni potrebbe diventare particolarmente complesso. Nel primo caso infatti il rischio del caregiver sarebbe quello di subire una violenza fisica e non essere in grado di reagire per non provocare dolore ad una persona a cui si vuole bene, gravemente malata.

Nel secondo caso invece l’assistito potrebbe andare in escandescenza e sentirsi in pericolo non riconoscendo la figura del caregiver a causa della sua malattia. In entrambi i casi colui che assiste potrebbe vivere dei momenti davvero spiacevoli da cui difficilmente potrebbe uscirne con particolare lucidità. Ecco perché fare un corso caregiver serve anche a questo. Prima che si presenti la situazione spiacevole, questo corso consente di comprendere al meglio come intervenire anche in queste situazioni molto particolari.

Avere una preparazione idonea è ciò che fa davvero la differenza, soprattutto in momenti di particolare disagio. Non aver paura quindi della persona che ami e per cui faresti di tutto. Non credere che non possa essere aiutata per la sua situazione in cui si ritrova. Ci sarà sempre un modo per prestare le tue cure e noi ti aiuteremo spiegandoti tutte le tecniche che ti consentiranno di gestire anche situazioni non semplici.

Occorre anche ricordare che l’Italia è uno dei paesi più “vecchi” al mondo. La popolazione si invecchia sempre di più e quindi prima o poi potrebbe capitare a tutti di ritrovarsi in una situazione di questo tipo. In questo momento il numero di caregiver in Italia è già molto alto se rapportato alla popolazione totale, sono ben 8 milioni e mezzo. Le persone quindi stanno iniziando a comprendere quanto sia importante essere preparati in un situazioni come queste, sia psicologicamente che teoricamente e fisicamente.

Conclusioni

Il corso caregiver di Badacare di sole 10 ore ti potrà permettere di apprendere tutte le informazioni necessarie per aiutare un tuo parente o una persona a te cara nel migliore dei modi. Non ti resta che acquistare il corso oppure contattarci per saperne di più, ti aspettiamo.

Ricordati che una buona preparazione ti consente di aiutare l’assistito da una parte e dall’altra ti mette in condizione di allentare il tuo stato di stress e di ansia in un momento così difficile.

Stefano Pepe | Fondadatore Badacare

info@badacare.com | 011 19115185

Lascia un commento